News

Cerchiamo di muoverci in modo agile, e tante iniziative le facciamo in fretta e... low cost.
Vogliamo cercare di seguire un metodo molto decentrato (‘federalista’ ?) per evitare trop-
pa burocrazia al centro. E per risparmiare.

 
ATTIVITA :
 

30 gen 2016 - Il nostro antico popolo di legno: ok dall'Unesco !

E' un evento culturale storico per Vercelli. A partire dal 30 gennaio 'La Rete', cioè l'unione di 8 associazioni culturali di cui le Città del riso fanno parte, insieme a 2 musei cittadini e ad altre associazioni ancora, ha organizzato l'evento 'Il nostro antico popolo di legno', dedicato alla straordinaria figura di Eliseo Niemen, l'ultimo dei grandi burattinai della tradizione piemontese.

L'evento comprende una mostra e decine di spettacoli lungo tutto il mese di febbraio, e si terrà al Museo Leone di Vercelli, con una interessantissima 'coda' al Museo Borgogna.

Di per sè sarebbe un grande fatto culturale di grande rilievo, ma la conferma assoluta è arrivata dall'Unesco - Organizzazione delle Nazioni Unite per la Scienza e la cultura. L'Unesco infatti ha concesso il patrocinio alla grande giornata di inaugurazione, in cui si concentreranno l'inaugurazione della mostra, molti spettacoli gratuiti, un incontro con le maschere cittadine e una conferenza del Prof. Alfonso Cipolla (direttore dell'Istituto per i beni marionettistici e il Teatro popolare del Piemonte). Il patrocinio dell'Unesco a un evento culturale tutto Made in Vercelli: è un fatto mai accaduto prima.

"Promuovere un territorio -spiega un comunicato- significa affermarne l'identità. Come Città del riso siamo concentrati sugli aspetti turistici, ma va da sè che fonte di turismo è la cultura. E il ruolo delle associazioni che danno vita alla Rete è stato semplicemente decisivo, per promuovere una manifestazione che segnala uno dei tanti straordinari momenti della identità del nostro territorio. Un aspetto tanto importante quanto misconosciuto, se non abbirittura snobbato dalle istituzioni locali".

TUTTO IL PROGRAMMA E' SCARICABILE IN PDF SIA DAL SITO DELLA 'RETE' (WWW.GRANDEVERCELLI.IT, NELLA SEZIONE 'DOCUMENTI') E SIA DAL SITO DELLE CITTA' DEL RISO (WWW.CITTADELRISO.IT, NELLA SEZIONE DOWNLOAD)

21 gen 2016 - Riparte il circuito del tipico: tra riso e cioccolato...

Riparte il 21 gennaio il circuito dei RISTORANTI TIPICI VERCELLESI, con 4 specialissime serate a tema: "Per scegliere una data all'inizio dell'anno abbiamo colto l'occasione di una particolare Fiera che si svolge a Vercelli: una fiera di cioccolatai. Quasi per gioco abbiamo deciso di incrociare le serate della cucina tipica proprio con il cioccolato (che peraltro appartiene alla grande tradizione sabauda piemontese), ed è venuto fuori un appuntamento che ha dell'incredibile", spiega Gian Mario Ferraris, presidente delle Città del riso. Il titolo delle serate, infatti, è "Riso e cioccolato", ma non si tratta solo di dolci...

Il meccanismo dell'iniziativa è semplice: tutti i ristoranti caratterizzati dalla cucina del risotto, e cucina tipica del territorio, svolgono in contemporanea alcune serate a tema. L'iniziativa è gratuita per i ristoranti aderenti e viene promozionata dalle Città del riso: già negli scorsi anni ha portato un gran numero di clienti in più e, appunto, senza costi per le aziende.

Lo scopo ancora una volta è duplice: (1) sostenere i ristoratori (soprattutto nei periodi stagionali di calo dei consumi) ma anche e soprattutto (2) affermare coralmente la forte identità della cucina tipica di risaia. A cominciare dal risotto, che -va sempre ricordato- è il più originale piatto della cucina Made in Italy.

La particolarità di questo appuntamento è, poi, che è svolto in collaborazione con la sede provinciale della Confesercenti, in quanto organizzatrice della Fiera 'Cioc !".

TUTTO IL PROGRAMMA, I RISTORANTI ADERENTI E I MENU' PROPOSTI SONO VISIBILI CLICCANDO QUI, OSPITATI DAL SITO WWW.PANISSA.IT

ATTENZIONE: L'ELENCO DEI RISTORANTI E' PROVVISORIO E IN FASE DI IN COMPLETAMENTO FINO AL 10 GENNAIO, DATA NELLA QUALE SI AVRA' LELENCO COMPLETO ED  AVVERRA' IL LANCIO PUBBLICITARIO DELL'EVENTO.

11 gen 2016 - EATALY annuncia il Master: il risotto la fa da padrone

L'annuncio è stato fatto direttamente SUL SITO DI EATALY (cliccare qui): inizia il 6° Master del risotto nella prestigiosa sede di Eataly al Lingotto di Torino. Come sempre i protagonisti saranno ristoratori e produttori vercellesi, ma stavolta con qualche new entry di altri territori: Gabriele Ferron, vicepresidente delle Città del riso e formidabile esponente dei produttori veneti, e i giovani della cooperativa 'Quelli che il sabato', di Novara. E con una novità in più: "Le lezioni vere e proprie -spiega il direttore delle Città del riso, Marco Reis- scendono da 4 a 3, ma in coda si aggiungerà più avanti un evento ancora maggiore... che riveleremo probabilmente in primavera. Tengo a ricordare che tutto questo si deve alla eccezionale sensibilità di Eataly e del suo presidente Oscar Farinetti, oltre che alla geniale intuizione del nostro presidente onorario, Enzo Vizzari, direttore delle Guide dell'Espresso e straordinario 'ambasciatore' della nostra attività".

Il Master, come si sa, ha un duplice scopo: affermare la assoluta originalità del risotto e della originale cucina di risaia (ricordando che il risotto è il più originale piatto della cucina Made in Italy), e offrire una opportunità promozionale e di affermazione ai maestri del risotto, che sono i ristoratori del territorio di risaia.
Con questa edizione, infatti, il Master ha offerto la vetrina torinese di Eataly a 23 ristoratori diversi, di cui 20 vercellesi.

ED ECCO IL PROGRAMMA

Lezione 1 - Lunedì 11 gennaio, ore 19 in Aula 2 - I RISOTTI DELLA MODERNITA'
Preparano e illustrano i loro risotti: Lauretta Bongioanni (Ristorante La Torretta di Bianzè) e Massimiliano Gennari con Simone Maglio (Chef del gruppo Mirtillo Catering). - Viene presentato: Riso Gallo.

Lezione 2 - Lunedì 25 gennaio, ore 19 in Aula 2 - I RISOTTI SOCIAL
Prepara e presenta i risotti Paola Naggi (Ristorante Impero di Novara) insieme ai ragazzi della cooperativa di volontariato 'Quelli che il sabato'. Viene presentata la produzione di Riso Gli Aironi, di Larizzate (Vc).

Lezione 3 - Lunedì 15 febbraio, ore 19 in Aula 2 - I RISOTTI DELLA TRADIZIONE
Preparano i grandi risotti tipici: Leo D'Addante ('Osteria come una volta' di Prarolo, Vc) confezionerà la Panissa Vercellese. Gabriele Ferron (Isola della Scala, Vr) confezionerà il Risotto all'Isolana. Viene presentata la produzione di Agricola Veneria e Riseria Ferron.

1 gen 2016 - Mille bambini in risaia: vicini al 100%... prima di iniziare

Il progetto di visite didattiche in risaia sta superando ogni aspettativa. Presentato l'8 ottobre scorso (si veda la notizia a quella CLICCANDO QUI), il progetto prevede un primo 'lotto' di 1.000 scolari in visita in alcune cascine e località del Vercellese: l'obiettivo iniziale era di 500 visitatori da altre province, e altrettanti dallo stesso territorio. Ora, mentre le scuole vercellesi stanno inviando le loro prenotazioni, l'agenzia turistica che Città del riso ha incaricato di provvedere alle visite dall'esterno comunica che il proprio obettivo è già largamente superato, con circa 800 vicitatori e 30 insegnanti. E le adesioni sono ancora aperte.

Il progetto si basa sull'incentivare direttamente le scuole, offrendo sconti sui normali prezzi praticati dalla agenzia o dalle fattorie. "Con un semplice contributo di 3.000 euro da parte della Provincia di Vercelli il progetto si è avviato in modo persin sorprendente", spiega il presidente delle Città del riso, Gian Mario Ferraris.

Il progetto, con tutti i dettagli e le istruzioni alle scuole è DOWNODABILE QUI, cliccando sul pdf col numero 5.

Nel 2015 bilancio straordinario: CLICCA IN ALTO PER VEDERLO !!!

2016, Anno Nuovo: è tempo di bilanci, sì, ma... qui proprio non c'è spazio. Nel senso che un semplice post come questo dovrebbe dilungarsi a dismisura per riassumere un 2015 pieno di successi e di soddisfazioni per le Città del riso. Ai 'normali' eventi ciclici (dal Master risotto al Campionato di panissa, al lunghissimo elenco di partecipazioni estive... a tutto il resto) si sono aggiunti risultati molto più che soddisfacenti nel campo della promozione del territorio.

"Credo che non sia il caso di aggiungere altro. Chiunque -spiega il presidente delle Città del riso, Gian Mario Ferraris- può scorrere rapidamente le immagini delle notizie che riassumono lo scorso anno 2015, per capire i passi da giganti che abbiamo compiuto.

"E non voglio citare nulla in particolare. -aggiunge Ferraris- Il Master a Eataly o i gruppi turistici? O il nuovo programma di turismo scolastico? O... no, non c'è una graduatoria 'di importanza': tutte le singole iniziative si sono intrecciate in un mosaico bellissimo. E lo stupore delle migliaia di persone cui abbiamo fatto conoscere la terra di risaia è ciò che ha profondamente 'pagato' il nostro lavoro".